Stufa a pellet: abitare in una casa ecosostenibile

 
  Postato da:


Un futuro ecosostenibile è possibile prestando attenzione ai dettagli, alle piccole cose. Ognuno di noi può contribuire a migliorare la qualità della nostra vita e soprattutto quella delle persone di cui ci circondiamo.
L’ambiente che viviamo, la nostra casa, è il primo banco di prova, il luogo in cui possiamo concretizzare le nostre scelte ecologiche.
Il mondo dell’edilizia, con le nuove tecniche e i nuovi materiali che ci mette a disposizione, ci permette di compiere scelte consapevoli.

Sono tante e diverse le soluzioni ecosostenibili per la tua casa:

  • la sostituzione degli infissi vecchi, per esempio, ci permette di conservare il micro clima interno, consentendoci un notevole risparmio energetico
  • l’utilizzo di lampadine a LED per risparmiare energia elettrica ed illuminare intensamente i tuoi ambienti, con un numero inferiore di punti luce;
  • L’acquisto di elettrodomestici classe A+++ che garantiscono una maggiore efficienza e, nel lungo periodo, un risparmio economico;
  • La scelta della stufa a pellet come alternativa per il riscaldamento della tua casa. Scopriamo il perché!
     

Installazione stufa a pellet per una casa ecologica

Scegliere una stufa a pellet come metodo di riscaldamento domestico è una delle soluzioni più ecosostenibili disponibili al momento.

Gli italiani lo sanno:

  • Attualmente sono più di 2,5 milioni le stufe a pellet presenti nel nostro Paese;
  • l’Italia è la prima nazione in Europa per produzione e distribuzione di stufe a pellet, con circa il 70% di stufe Made in Italy presenti sul territorio europeo.


La stufa a pellet oltre ad essere un elegante complemento d’arredo, non impiega grande spazio e, soprattutto, non ha bisogno di interventi d’edilizia (nel caso in cui si è già in possesso di una canna fumaria, vedremo perché nell’ultimo paragrafo).
Una stufa a pellet necessita di una semplice installazione. Dal punto di vista estetico ricorda una stufa tradizionale ma dal punto di vista del calore, vanta una maggiore resa rispetto ad un classico caminetto a legna, per esempio.

Con l’utilizzo delle stufe pellet, si ottiene anche un risparmio economico perché a parità di quantità di legna e pellet, si ottiene un maggiore calore dalla combustione dei pellet. Seppur il prezzo del pellet sia più alto rispetto al prezzo medio della legna, la vera differenza è nella qualità del calore: la stufa a pellet produce un calore duraturo nel tempo ed omogeneo e crea ambienti accoglienti e confortevoli.
Le stufe a pellet sono una fonte di calore piacevole, graduale e persistente e il motivo principale è il materiale di cui sono composte, in quanto, rilascia anch’esso il calore nell’ambiente domestico.
Inoltre, come già avrai sentito, è possibile distribuire il calore della stufa nelle altre stanze, mediante l’installazione di

  • una stufa a pellet canalizzata che, con un sistema di condotti, rilascia il calore attraverso le bocche negli ambienti prescelti;
  • una termostufa a pellet, o caldaia a pellet, che riscaldano l’acqua e la distribuiscono nei radiatori (termosifoni) diffondendo calore in tutta la casa. Grazie ad un piccolo serbatoio, queste caldaie a pellet possono produrre acqua calda sanitaria.

 

Perché la stufa a pellet è ecofriendly?

La stufa a pellet è una fonte di calore ecosostenibile perché utilizza un combustibile composto dagli scarti del legno. Non è previsto l’abbattimento di alberi per la produzione del pellet e questo incide sulla qualità dell’ambiente:

Perché?

  • Gli alberi sono i principali smaltitori di CO2, sono i filtri naturali che purificano l’aria restituendola pulita.
  • La combustione del pellet che avviene all’interno della stufa è attenta e orientata alla riduzione delle emissioni. I fumi emessi dalla combustione dei pellet hanno un residuo bassissimo di CO2, ecco perché è chiamato il “combustibile del futuro”, perché è un materiale ecologico rispetto agli altri combustibili.
  • Alcune stufe a pellets hanno un sistema di doppia combustione per consentire una dispersione dei gas e fumi in quantità minore, riducendo l’impatto ambientale.
  • La stufa a pellet, a differenza del camino a legna, ti consente un uso programmabile, anche per pochissime ore.
 

Stufa a pellet e bassa manutenzione

Per quanto riguarda la pulizia e la conservazione della stufa a pellet, è necessario soltanto liberare periodicamente il cassetto della cenere e pulire ogni anno la canna fumaria ostruita dalla fuliggine.

Stufa a pellet senza canna fumaria? Una leggenda.

Sfatiamo un mito: non esiste una stufa pellet senza canna fumaria.
All’interno della stufa a pellet avviene una vera e propria combustione di materia, pertanto i fumi che ne derivano devono fuoriuscire dall’ambiente stufa. Certamente, lo scarico non può avvenire all’interno dell’abitazione. Fino al 2012, per lasciar defluire i fumi della combustione, venivano semplicemente praticati degli scarichi a parete, mediante dei fori.
Dal 2012 e con la successiva norma UNI10683, è stato regolamentata la necessità di avere o creare un sistema di scarico fumario a tetto.
Alla luce di queste informazioni, siamo certi che tutti coloro che vorranno:

  • risparmiare sulle bollette;
  •  ridurre l’impatto ambientale;
  •  scegliere soluzioni eticamente ecosostenibili;
  •  riscaldare la propria casa in maniera efficiente;
  • ridurre i tempi di manutenzione della propria fonte di calore;

sceglieranno una stufa a pellet!
Dai uno sguardo alle nostre proposte.
 

Un caloroso saluto!

Tag Associati
Categorie Associate
"Se puoi sognarlo, 
puoi farlo
Scopri la tua voglia di fare"
Facebook Youtube Twitter Instagram

   Via Lecce Sn - Maglie (Le)      0836938947      info@brigros.com     P.IVA 03648000754
© Copyright 2018 Tutti i diritti sono riservati BRIGEST SRL

Powered by Passepartout